CHIUDI

Solo qualche istante...

Le acacie di Derek Walcott

Gli alberi di Acacie

1

Di solito potevi guidare (non io però)

nel vasto pascolo dietro casa coperto di pozzanghere

fino alla spiaggia deserta, caldissima, e parcheggiare

nell’ombra magra delle acacie che stampano quei minuscoli

fiori gialli (le spiagge deserte e senza tracce sono il mio mondo);

poi vennero uomini con nastri e teodoliti che misurarono

quel terreno dissestato e selvaggio. Osservavo le zone

condannate dove costruiranno un altro hotel di lusso,

precluso ai comuni mortali. I nuovi artefici

della nostra storia ne approfittano senza rimorsi

e sono di fatto i profeti di una scelta politica

che farà dell’isola un centro commerciale, e i frangenti

sorridenti come camerieri, come tassisti, queste nuove

piantagioni sul mare; schiavitù senza catene, senza

spargimento di sangue – solo recinti serrati e cartelli,

un nuovo degrado. Sentivo una tale libertà a scrivere

sotto le acacie.

 

[traduzione di Marco Ferri]

 

  1. you used to be able to drive(though I don’t) across / the wide, pool-scheeted pasture below the house / to the hot, empty beach and park in the starved shade / of the acacias that print those tiny yellow flowers / (blank, printless beaches are part of my trade); / then there were men with tapes and theodolites who measured / the wild, uneven ground. I watched the doomed acres / where yet another luxury hotel will be built / with ordinary people fenced out. The new makers / of our history profit without guilt / and are, in fact, prophets of a policy / that will make the Island a mall, and the breakers / grin lake waiters, like taxi drivers, these new plantations / by the sea; a slavery without chains, with no blood spilt – / just chain-link fences and signs, the new degradations. / I felt such freedom writing under the acacias.

Comincia così il poemetto The Acacia trees di Derek Walcott. Si può leggere il resto in Egrette bianche, traduzione di Matteo Compagnoli, Adelphi 2015.

Iscriviti all newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti, novita' e iniziative direttamente nella tua casella di posta.

La discussione e" chiusa.